Passi in avanti verso la nuova riforma

La riforma famosa dei campionati in Italia inizia a prendere forma. A fine ottobre infatti la “Commissione Figc di studio sui profili di rischio nel calcio” ha indicato la strada per un nuovo format dei tornei.

La commissione, presediuta dall’ex magistrato Pietro Calabrò e che tratta trasversalmente diversi argomenti scottanti del mondo del pallone (dalla violenza ai bilanci, passando per la diminuzione della presenza di pubblico negli stadi italiani, il rapporto tra il sistema calcio e le istituzioni, e l’impatto del fenomeno delle scommesse), ha posto dei paletti per quella che potrebbe essere la riforma. La proposta è sempre la medesima: quella di portare sia la Serie A che la Serie B ad avere 18 squadre, con una Serie C formata da due gironi di 18 club ciascuno. Più sotto, il cosiddetto campionato d’Elite (2 o 3 gironi: quindi 36 o 54 società), da cui emerga chi ha i meriti sul campo, a patto che offra garanzie economiche in prospettiva. Un modo per permettere solo alle squadre più in salute di salire di categoria, allo stesso tempo creando quei “posti di lavoro” che il sindacato calciatori teme di perdere con la riforma dei campionati. Infine, il campionato Dilettanti vero e proprio, da 162 squadre (9 gironi da 18 club ciascuno).

RISULTATI
 CLASSIFICA

 FOTO AMARCORD


Isola liri- Pro Vasto: 2004/2005
Isola liri- Pro Vasto: 2004/2005
ALMANACCO  VASTESE


Almanacco del calcio vastese
Almanacco del calcio vastese
FACEBOOK UFFICIALE
INNO UFFICIALE
METEO LOCALE



STATISTICHE